Soffitto navata destra della Cattedrale - Tricarico
Porta Saracena - Tricarico
Cappella del Crocifisso - S.Chiara - Tricarico
La cattedrale di Tricarico
Reperti del Museo Archeologico di Tricarico
Porta Rabatana - Tricarico
Chiesa di S.Francesco - Tricarico
Vista panoramica della città di Tricarico
Arco di re Ladislao - Tricarico
Ingresso al Palazzo Ducale - Tricarico

Tricarico Città d’Arte

PRANZO INCLUSO NEL TOUR.
Tricarico è città d’arte dal 2015.
I primi passi in questa cittadina, che si estende orizzontalmente su un colle, accasciata come una donna a riposo, li muoviamo tra i suggestivi vicoli lucani alla ricerca di orme del passato, tra prodi cavalieri, valorosi conti e vescovi che vi lasciarono il segno e i segni.
Ne presentiamo alcuni.
La Torre Normanna, di forma cilindrica e alta ben 27 m, costruita nel sec. XI dai normanni e successivamente rimaneggiata. Ceduta nel sec. XVII alle monache del convento di clausura fondato nei locali del castello da Tommaso Sanseverino e Sveva de Bethan. È costituita da tre sale sovrapposte e da una panoramica terrazza che permette di dominare le vallate del Bradano e del Basento fino al mare. Visitabili i locali del castello e il chiostro del convento, ristrutturati e adibiti a Museo della fotografia.
La Chiesa di S.Chiara, chiesa del monastero di clausura, è un vero e proprio scrigno di opere d’arte di cui la più preziosa è proprio la Cappella del Crocifisso dove è custodito il primo dei cicli pittorici che arricchiscono il patrimonio artistico di Tricarico. Opera del pittore Pietro Antonio Ferro nel 1612 su committenza delle stesse suore, sono raffigurate scene della vita di Gesù, episodi tratti dal Vangelo, figure di Santi, Martiri e al centro della volta La Trinità.
Palazzo Ducale, già castello del principe, con il suo doppio arco di ingresso sormontato dagli stemmi dei Revertera, Pignatelli e Sanseverino e la sua ripida rampa di accesso.
I saloni al piano terra ospitano mostre temporanee.
Al primo piano invece, il Museo Archeologico con reperti del III IV e V sec. a.C. provenienti dai siti archeologici di Civita, Serra del Cedro, Garaguso, Oliveto, Monte Croccia, ecc.
La Cattedrale, chiesa di Santa Maria Assunta, in originario stile romanico oggi si presenta come il risultato delle ristrutturazioni settecentesche volute dal vescovo Del Plato, scrigno di opere d’arte, stucchi di fattura napoletana, tele del Ferro e di Cesare Scerra del sec. XVII, interessanti dipinti su tavola del XVI secolo. La sacrestia conserva il prezioso pannello ligneo raffigurante la città di Tricarico, del 1652.

 

SKU:Tric_006
Categoria:
Tag:, , ,

Tricarico è città d’arte dal 2015.
I primi passi in questa cittadina, che si estende orizzontalmente su un colle, accasciata come una donna a riposo, li muoviamo tra i suggestivi vicoli lucani alla ricerca di orme del passato, tra prodi cavalieri, valorosi conti e vescovi che vi lasciarono il segno e i segni.
Ne presentiamo alcuni.
La Torre Normanna, di forma cilindrica e alta ben 27 m, costruita nel sec. XI dai normanni e successivamente rimaneggiata. Ceduta nel sec. XVII alle monache del convento di clausura fondato nei locali del castello da Tommaso Sanseverino e Sveva de Bethan. È costituita da tre sale sovrapposte e da una panoramica terrazza che permette di dominare le vallate del Bradano e del Basento fino al mare. Visitabili i locali del castello e il chiostro del convento, ristrutturati e adibiti a Museo della fotografia.
La Chiesa di S.Chiara, chiesa del monastero di clausura, è un vero e proprio scrigno di opere d’arte di cui la più preziosa è proprio la Cappella del Crocifisso dove è custodito il primo dei cicli pittorici che arricchiscono il patrimonio artistico di Tricarico. Opera del pittore Pietro Antonio Ferro nel 1612 su committenza delle stesse suore, sono raffigurate scene della vita di Gesù, episodi tratti dal Vangelo, figure di Santi, Martiri e al centro della volta La Trinità.
Il Palazzo Ducale, già castello del principe, con il suo doppio arco di ingresso sormontato dagli stemmi dei Revertera, Pignatelli e Sanseverino e la sua ripida rampa di accesso.
I saloni al piano terra ospitano mostre temporanee.
Al primo piano invece, il Museo Archeologico con reperti del III IV e V sec. a.C. provenienti dai siti archeologici di Civita, Serra del Cedro, Garaguso, Oliveto, Monte Croccia, ecc.
La Cattedrale, chiesa di Santa Maria Assunta, in originario stile romanico oggi si presenta come il risultato delle ristrutturazioni settecentesche volute dal vescovo Del Plato, scrigno di opere d’arte, stucchi di fattura napoletana, tele del Ferro e di Cesare Scerra del sec. XVII, interessanti dipinti su tavola del XVI secolo. La sacrestia conserva il prezioso pannello ligneo raffigurante la città di Tricarico, del 1652.

PUNTO DI RITROVO Piazzale Santa Croce – Tricarico (MT)
ORARIO DI PARTENZA  9:30
PUNTO DI ARRIVO Piazza Garibaldi – Tricarico (MT)
ORARIO DI ARRIVO   18:30
CONSIGLI UTILI Abbigliamento: indumenti comodi, scarpe da ginnastica, cappellino e occhiali da sole. Portare sempre con sé una bottiglietta d’acqua.
INCLUSO NEL PREZZO
Guida a disposizione per l’intera giornata
Pranzo con piatti tipici
Piantine e materiale informativo sulla città
Biglietto d’ingresso Torre Normanna
NON INCLUSO NEL PREZZO 
Trasporto fino a Tricarico
Qualora foste interessati anche al trasporto, contattateci!

Informazioni aggiuntive

Località

Tricarico

Durata

Intera giornata

Livello di difficoltà

Facile

Anni

Adatto per tutte le età

Partecipanti

Ogni 15 adulti, un Tour in omaggio! Per partecipanti di età inferiore ai 6 anni, prezzo speciale: paghi la metà con menù bambino!

Disponibilità

Disponibile tutto l'anno.

Recensioni dei tour

5.00 basato su 1 recensione
01/11/2016

Sono un torinese che per lavoro ha vissuto sei mesi a Tricarico, e ad agosto era venuto il momento di far visitare “la mia seconda casa” anche alla mia famiglia. Sara ci ha accompagnato per il paese alla scoperta delle sue meraviglie: mi ha fatto scoprire con occhi nuovi i luoghi in cui avevo trascorso l’inverno e la primavera, e fatto godere ai miei familiari una splendida località così nascosta e così lontana dalle mete abituali. Ottima guida, organizzazione impeccabile, ottima scelta delle mete e grande competenza. Se ogni borgo d’Italia potesse avere così grandi attenzioni…

Lascia una recensione

Rating