Tricarico – Ospitalità da scoprire

tricarico-panorama-michele-degrazia_4_3

A volte basta allontanarsi un poco dalle vie più battute per scoprire piccole gemme di sapori, tradizioni ed ospitalità che ti restano nel cuore. Tricarico, a soli 50 Km da Matera, ha tanto da offrire a chi sa cercare.

La Basilicata, per la sua conformazione geografica, è una regione capace di sorprendere e di esaudire un po’ tutti i palati. In Basilicata troviamo sia i sapori del mare che quelli dell’alta collina, l’odore delle olive ed il forte sapore dei suoi formaggi. E’ una terra semplice, non sempre generosa, e difficile da esplorare. Sono pochi gli abitanti della Basilicata ed i centri abitati sono distanti tra loro, le campagne non facilmente raggiungibili ed è forse proprio questo ad averne preservato gli aromi, come sospesi in un limbo, simili ma sempre diversi da un paesino all’altro.

E così, come per i dialetti e le parlate, basta sollevarne il coperchio e scoprire i suoi prodotti lontani anni luce dalle produzioni industriali ma così vicini all’uomo e alla sua terra.

Per questo articolo abbiamo scelto cinque eccellenze del territorio. Scoprile una ad una cliccando sopra il nome di ciascuna di esse e se vuoi scoprire il resto della storia… vieni a Tricarico.

La passione per l’azienda di famiglia e il rispetto dell’ambiente e la qualità dei prodotti sono gli “ingredienti” che da anni caratterizzano la produzione biologica dei cereali e l’allevamento del “Suino nero Lucano”.
tricarico-azienda_laureano_01
I suini neri in gruppo allevati nella Masseria Laureano

Pionieri della coltivazione biologica, oggi l’azienda agricola produce cereali di prima qualità e alleva il suino nero lucano nel rispetto della tradizione.

Le coltivazioni di cereali, e in particolare il grano duro sono da sempre una peculiarità del nostro territorio in cui le caratteristiche dei terreni vanno a vantaggio della qualità del prodotto. Il grano fin dai tempi antichi ha rappresentato il sostegno e la vita del sud d’Italia. La coltivazione Biologica ci ha permesso di conservare i sapori di un tempo e tramandarli attraverso i nostri prodotti.

Abbiamo valorizzato l’allevamento del “suino nero Lucano”, una razza autoctona di maiali, che stava per estinguersi negli anni, dato l’arrivo importante di razze moderne create ad hoc per una carne più magra o più grassa a seconda degli usi. Il suino nero invece è semplicemente il padrone di queste terre e chissà per quale strana ragione è una delle carni più saporite che si conoscano. Come un tempo, i maiali non sono costretti in gabbie ed alimentati a forza, sono invece liberi di scorrazzare per i campi, di brucare le piante che offre la natura e sono costantemente monitorati affinché godano di un’ottima salute. L’allevamento “brado” rende queste carni più magre e se da un lato ne diminuisce la quantità vendibile dall’altro ne moltiplica il sapore.

La voglia di preservare e promuovere i prodotti di questo territorio, ci ha portato a selezionare anche altre aziende con le quali condividiamo gli stessi obiettivi, creando così una rete di diffusione di prodotti tipici.

Non c’è confronto quando a parlare sono gli alimenti del luogo, solo loro sanno esprimere il meglio di un territorio ed il viaggiatore questo lo sa.

Masseria Laureano – azienda agricola e zootecnica

C.da Giammauro, 1 - 75019 - Tricarico (MT)

“Impossibile restare indifferenti dinnanzi a sua maestà il provolone: un formaggio tipico di origine medievale prodotto con solo latte di vacca, caglio, sale e fermenti lattici”(Rocco Lavanga – proprietario)
Rocco Lavanga circondato dai provoloni
Rocco Lavanga, imprenditore e casaro, mostra le sue creature più pregiate

Di questo formaggio troviamo traccia addirittura in epoca medievale. Infatti a quei tempi, durante la transumanza e gli spostamenti da un pascolo all’altro, i pastori, per giorni e giorni lontano da casa, nella bisaccia non si facevano mancare mai il pane raffermo di qualche giorno, ed una forma di caciocavallo, che spesso veniva assaporato sciolto sulla brace.

Questa particolare fonduta, ha dato i natali al Caciocavallo detto “Impiccato”, che, grazie alla sua corazza esterna viene protetto da uno scioglimento troppo rapido, permettendo ai grassi della pasta filata di liberare la loro naturale morbidezza e gli aromi derivanti dalla stagionatura del latte.

Abbiamo iniziato ad operare nel 1961 ed è da allora che inseguiamo la passione per il latte e la caseificazione di qualità e da allora crediamo nel modello alimentare italiano che combina ingredienti di qualità e lavorazioni attente, offrendo esperienza e sapori della migliore tradizione casearia artigianale.
E’ il profondo amore per la Lucania, il rispetto per la tradizione, il coraggio e l’interesse per l’innovazione, che ispirano il nostro modo di essere e motivano le persone con le quali lavoriamo.
La preparazione dei prodotti e il controllo della qualità viene lasciato, oggi come allora, nelle mani di esperti casari e solo i lavori ripetitivi e faticosi vengono svolti dalle macchine, di fatti leggere sfumature e “difetti” nelle forme dei nostri prodotti sono la prova che si tratta di prodotti artigianali ed allo stesso tempo del suo più alto pregio.

Caseificio Lavanga

Contrada Carmine - 75019 - Tricarico (MT)

Lavoriamo le olive a freddo in meno di 48 ore per preservare le caratteristiche di fruttato e la qualità del nostro extravergine. Un olio davvero salubre perché frutto di un territorio incontaminato.
tricarico-frantoio_danzi_01
Salvatore Danzi, imprenditore e frantoiano tra gli ulivi di Tricarico

L’olio prodotto da questo frantoio deriva da cultivar misti di Coratina, Leccino, Ogliarola del Bradano ed Oliva Giusta (autoctona) così com’è caratteristico fare in queste zone.

Gli ulivi sono sparsi tra zone rocciose, boschi e seminativi creati dall’uomo dissodando i terreni. Dove possibile, si praticano trinciature e sovesci. Comunque, il terreno è inerbito. Non vi è possibilità di irrigazione. La potatura è leggera e annuale. Nessuna concimazione o difesa fitosanitaria. La produzione è assolutamente biologica.

La raccolta avviene a fine ottobre ed è in genere effettuata a mano o con scuotitori meccanici. Le olive vengono poi raccolte in cassette basse completamente forate e portate in nel frantoio certificato biologico, dove la molitura avviene nel più breve tempo possibile dalla raccolta per poter preservare la qualità dell’olio.

Il frantoio usa frangitori a dischi e gramole chiuse. L’olio non è filtrato ma centrifugato in maniera meccanica per preservarne la purezza e la sua conservazione avviene in cisterne di acciaio sotto vuoto.

E’ un olio che narra le gesta degli olivicoltori tricaricesi e si adatta perfettamente alle pietanze locali, sia esso “un piatto di foglie” (verdura), una saporita zuppa di ceci o il sugo di carne della nonna.

Az. Agricola e Frantoio Oleario Danzi Salvatore

C.da Cupone snc - 75019 - Tricarico (MT)

La raccolta, rigorosamente a mano secondo la tradizione ed il ricorso alle più avanzate tecniche di vinificazione produce un impareggiabile Aglianico per aromi e profumi.
tricarico-cantine_mantegna_01
Salvatore Auletta, socio e dirigente aziendale, nei vigneti della Tenuta Mantegna

Noi di Tenute Mantegna veniamo dalla “terra”, dalla passione e dall’amore verso un territorio, che ci ha portato negli anni a decidere di creare in Lucania la nostra realtà, fatta di campi, di duro lavoro, di passione e amore per le uve.

L’azienda e i suoi vigneti sono situati in una posizione invidiabile a circa 500 metri sul livello del mare, attraversati spesso da venti che rendono il clima fresco ed asciutto con un’ottima escursione termica tra giorno e notte che determina un microclima ideale.

Ci siamo focalizzati sulla ristrutturazione dei vigneti impiantando e scegliendo solo quelle varietà che, per le particolarità del territorio, sono più degne di nota: Greco Doc (vitigno a bacca bianca), Primitivo Doc e soprattutto Aglianico (vitigni a bacca rossa).

Tenute Mantegna

Contrada Piani - 75022 - Irsina (MT)

Nell’antico baricentro del potere medievale, a metà tra la parte più antica di Tricarico e quella più viva, con i suoi negozi, il museo e la piazza, sorge maestoso e signorile il Palazzo Laureano.

tricarico-palazzo_laureano_01
Stefania e Nicola Ventricelli, proprietari di Palazzo Laureano, vi danno il benvenuto a Tricarico

[…]La più antica e prestigiosa testimonianza del palazzo Laureano si rinviene, sotto la denominazione di “palaggio de Imperatrice” nella preziosissima veduta della città di Tricarico denominata Tricaricum Basilicatae civitas, inserita come Tav. 57 all’interno della monumentale opera Theatrum urbium praecipuarum mimeli. Pubblicata a Colonia tra il 1572 e il 1618 da George Braun e Franz Hogenberg.

Il “palaggio de Imperatrice” costituisce un elemento architettonico molto importante all’interno dell’assetto urbano della Tricarico rinascimentale. Collocato nel cuore della sua parte monumentale presso la “porta vecchia” e tra gli edifici del potere politico e religioso.

L’attuale denominazione di “palazzo Laureano” risale alle fine del ‘700, allorquando l’edificio figura tra i beni di Giuseppe Laureano senior di Tricarico, discendente di una famiglia che le fonti documentano quale espressione del ceto borghese della città già nel ‘500 e in modo continuativo fino a tutto il ‘900.[…]
(da C. Biscaglia, il Palazzo Laureano di Tricarico già “Palaggio de Imperatrice”, ms. Tricarico, 2007)

Oggi il Palazzo Laureano, con le sue stanze, la sua cantina ed i suoi saloni imponenti è ancora di proprietà degli eredi dei Laureano ed è pronto ad accogliervi, grazie alla sua lunga continuità familiare, nell’affascinante storia di Tricarico.

Lascia la città e scopri la vera ospitalità della Basilicata!

Palazzo Laureano

Via Duomo, 8 - 75019 - Tricarico (MT)

Il tuo percorso è appena iniziato! In questo caso l’appetito vien viaggiando, ti aspettiamo a Tricarico e se vuoi saperne di più contattaci lo Zirlio vi guiderà negli anfratti più nascosti di questo misterioso e saporito territorio!

Commenti

Lascia un commento