Visualizzazione di tutti i 7 risultati

Soffitto navata destra della Cattedrale - Tricarico

Tricarico Città d’Arte

PRANZO INCLUSO NEL TOUR.
Tricarico è città d’arte dal 2015.
I primi passi in questa cittadina, che si estende orizzontalmente su un colle, accasciata come una donna a riposo, li muoviamo tra i suggestivi vicoli lucani alla ricerca di orme del passato, tra prodi cavalieri, valorosi conti e vescovi che vi lasciarono il segno e i segni.
Ne presentiamo alcuni.
La Torre Normanna, di forma cilindrica e alta ben 27 m, costruita nel sec. XI dai normanni e successivamente rimaneggiata. Ceduta nel sec. XVII alle monache del convento di clausura fondato nei locali del castello da Tommaso Sanseverino e Sveva de Bethan. È costituita da tre sale sovrapposte e da una panoramica terrazza che permette di dominare le vallate del Bradano e del Basento fino al mare. Visitabili i locali del castello e il chiostro del convento, ristrutturati e adibiti a Museo della fotografia.
La Chiesa di S.Chiara, chiesa del monastero di clausura, è un vero e proprio scrigno di opere d’arte di cui la più preziosa è proprio la Cappella del Crocifisso dove è custodito il primo dei cicli pittorici che arricchiscono il patrimonio artistico di Tricarico. Opera del pittore Pietro Antonio Ferro nel 1612 su committenza delle stesse suore, sono raffigurate scene della vita di Gesù, episodi tratti dal Vangelo, figure di Santi, Martiri e al centro della volta La Trinità.
Palazzo Ducale, già castello del principe, con il suo doppio arco di ingresso sormontato dagli stemmi dei Revertera, Pignatelli e Sanseverino e la sua ripida rampa di accesso.
I saloni al piano terra ospitano mostre temporanee.
Al primo piano invece, il Museo Archeologico con reperti del III IV e V sec. a.C. provenienti dai siti archeologici di Civita, Serra del Cedro, Garaguso, Oliveto, Monte Croccia, ecc.
La Cattedrale, chiesa di Santa Maria Assunta, in originario stile romanico oggi si presenta come il risultato delle ristrutturazioni settecentesche volute dal vescovo Del Plato, scrigno di opere d’arte, stucchi di fattura napoletana, tele del Ferro e di Cesare Scerra del sec. XVII, interessanti dipinti su tavola del XVI secolo. La sacrestia conserva il prezioso pannello ligneo raffigurante la città di Tricarico, del 1652.

 

Intera giornata
Facile
Componi il tuo tour

Crea un tour personalizzato!

Vuoi visitare Tricarico, ma non hai trovato il tour dei tuoi sogni tra quelli da noi proposti? Crea il tuo tour personalizzato: scegli il tuo itinerario, selezionando i monumenti che più ti interessa visitare e poi contattaci!

Intera giornata
Facile
Fusilli con sugo di maiale

Tricarico tra Gusto e Cultura

PRANZO INCLUSO NEL TOUR.
Tricarico ” Tra Gusto e Cultura” è un viaggio che ci porta alla scoperta delle meraviglie di questo territorio! Non solo storia, arte e poesia ma anche eccellenze culinarie, prodotti genuini e filiera corta.
Birra Artigianale, Vino Nostrano, Latticini e Salumi, Olio, Pane, Focaccia e Biscotti appena sfornati sono soltanto alcuni dei prodotti che degusterete al termine dell’itinerario culturale cittadino.
Cosa sarebbe la Cultura senza il Gusto? Se sei un amante della conoscenza e un buongustaio, prenota subito il tuo pacchetto!

Intera giornata
Facile
Torre Normanna - Tricarico

Passeggiando con i Normanni

PRANZO INCLUSO NEL TOUR.
Si riconosce da lontano Tricarico, proprio per la “sua” Torre Normanna.
Occupata dai Normanni a partire dal 1048, per la grande importanza strategica che il territorio rivestiva divenne contea autonoma nel 1143 e sede di Comestabilia (comando militare).
Le tracce di questa popolazione le ritroviamo ben visibili ancora oggi in tutto il centro antico, a partire dalla struttura urbanistica di interi quartieri dello stesso nucleo storico. Non è dunque un caso se Tricarico viene definita città arabo-normanna.

Intera giornata
Facile
Rocco Scotellaro - poeta e fu sindaco di Tricarico

Vita, luoghi e poesie di Rocco Scotellaro

DISPONIBILE A PARTIRE DA NOVEMBRE 2016!
PRANZO INCLUSO NEL TOUR.
Un viaggio emozionale tra la vita, i luoghi e le poesie di Rocco Scotellaro.
Rocco Scotellaro nasce nel cuore della Basilicata a Tricarico, nel 1923 da padre ciabattino e madre scrivana e casalinga e muore a Portici nel 1953. Vive solo trent’anni. Fu poeta, scrittore, contadino e politico, visse la politica da poeta e della poesia fece, nel senso più nobile, uno strumento politico, cioè di riscatto e libertà
La figura di Rocco è la figura di un uomo e di un letterato di dimensioni gigantesche, di uno dei maggiori poeti e intellettuali lucani.

Intera giornata
Facile
Torre Saracena - Tricarico

Sulle tracce degli Arabi

PRANZO INCLUSO NEL TOUR.
Tricarico, in quanto a testimonianza urbanistica e paesaggistica rimasta quasi inalterata per secoli, costituisce un unicum nel Mezzogiorno. Le sue mura di cinta, i giardini terrazzati, le torri emiforiche a protezione delle relative porte d’accesso, tra le quali la porta rabatana che insiste ancor oggi col suo originario arco acuto islamico, i due quartieri della Rabata e della Saracena, testimoniano il lungo episodio insediativo degli Arabi in questa cittadina. Essi occuparono il territorio dapprima con impianti fortificati di confine preposti alla concentrazione di milizie impiegate in attacchi bellici, fino a diventare poi dei veri e propri quartieri residenziali le cui peculiarità si sono conservate pressochè intatte fino ai giorni nostri.

Intera giornata
Facile
La sapienza della terra - Orti Saraceni di Tricarico

Il Percorso dell’Acqua e gli Orti Saraceni

PRANZO INCLUSO NEL TOUR.
Una straordinaria occasione di riscoperta, a distanza di mille anni, di una parte della storia e dell’origine di tradizioni lucane ormai sull’orlo dell’oblio.
Come i Sassi di Matera, distanti pochi chilometri, gli Orti saraceni di Tricarico sono monumento della povertà e della cultura contadina.
Costituiti da superfici terrazzate a ridosso delle mura dell’abitato antico, sotto i quartieri della Rabata e della Saracena, discendono nel ripido terreno verso il vallone del torrente sottostante, il Milo.
Gli appezzamenti sono delimitati da muretti a secco in conci di pietra arenaria, collegati da ripide scalette che insieme alle canalizzazioni per l’irrigazione (di matrice araba) un valore di estrema particolarità all’intera area.

Intera giornata
Medio